Incontro con Federica Angeli, delegata del sindaco Virginia Raggi.

on .

“Ci sono due cose che non tornano mai indietro: una freccia scagliata e un’occasione perduta” (Jim Rohn)

E’ esattamente in questi termini che abbiamo voluto vivere l’incontro dello scorso 11 novembre con Federica Angeli, delegata della Sindaca Virginia Raggi, che in questi giorni sta incontrando i Presidenti dei C.d.Q , per conoscere e focalizzare le realtà e, soprattutto, le criticità delle periferie romane.

Compito decisamente arduo in considerazione della complessità e ampiezza del territorio coinvolto; ma Federica Angeli non ci è sembrata una persona che si spaventa e scoraggia facilmente; dietro il fisico decisamente non imponente di una donna dall’aspetto molto giovanile, e dietro l’inevitabile mascherina, ricordiamo che c’è la giornalista ben nota alle cronache, che ha osato sfidare gli Spada di Ostia  e che per questo ora vive sotto scorta.

Ben consapevoli di essere in periodo pre-elettorale, circostanza che non abbiamo omesso di condividere con la giornalista, ma anche  disposti con mente aperta verso le sue dichiarazioni di intenti “Non sono qui per raccogliere voti ma per esercitare  l’incarico ricevuto: raccogliere sistematicamente le istanze cittadine e farmene carico direttamente, per quanto riguarda le questioni di più immediata attuazione, e indirettamente presso gli uffici competenti, per quelle più complesse” la abbiamo dunque condotta, in una specie di  “giro turistico” guidato da Guido Basso, attraverso le strade dei nostri quartieri.

Partendo da Via Carlo Avolio, passando per il Manufatto di Largo Cannella e per la Città del Rugby, abbiamo concluso il “Tour” a Via del Risaro, sottolineando di volta in volta tutte le problematiche: da quelle più “semplici” (sistemazione aree giochi Spinaceto e Tor de Cenci; ripristino autobus Castel di Decima; Bus navetta per fermata metro Roma-Lido) a quelle più complesse (prolungamento Metro B, riqualificazione Citta del Rugby e Largo Cannella, etc.) Senza tralasciare, ma anzi presentandola come emergenza sanitaria particolarmente urgente, la situazione del degrado conseguente alla gestione della spazzatura (leggi raccolta porta a porta non ancora estesa omogeneamente a tutti i quartieri).

Abbiamo quindi consegnato alla giornalista un documento, che potete trovare come allegato in calce al presente articolo, contenente tutte le nostre istanze debitamente argomentate, riepilogate alla fine del documento stesso secondo una scala di criticità e/o fattibilità. Scelta “tattica” che è stata particolarmente apprezzata: Mi avete facilitato il lavoro che devo svolgere!”.

L’incontro si è concluso puntualmente dopo un’ora, con uno scambio di mail e con l’impegno da parte di Federica Angeli di un contatto a breve (una settimana), se non per darci già un feedback, almeno per ricevere ulteriori necessari approfondimenti.

Cristiana Giubilei

 

Questo sito si avvale di cookie tecnici e, con il tuo consenso, di cookie di profilazione, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, cliccando in un'area sottostante o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information