Incontro tra CdQ e Fulvio BELLASSAI e Marco MURO PES

on .

di Cristiana Giubilei

Proseguono gli incontri tra CdQ e candidati alle prossime elezioni amministrative: dopo il M5S e il PD e è il turno della lista civica Calenda con Fulvio Bellassai e Marco Muro Pes in corsa per il Municipio IX (Marco Muro Pes in veste di Presidente).

L’incontro si è svolto in modalità del tutto informale; anche in questa occasione sono stati toccati diversi temi legati alle criticità dei nostri quartieri (mobilità, spazzatura, verde pubblico, etc.) ma ci si è focalizzati in particolar modo sul tema della gestione dei beni comuni e su quello della mobilità.

Gestione beni comuni

L’argomento sembra rappresentare uno dei “cavalli di battaglia” del loro programma; sono infatti decisamente motivati a portare avanti i cosiddetti Patti di Collaborazione che prevedono una interazione tra Comune e volontari (cittadini, associazioni, CdQ, etc.)  finalizzata al recupero del patrimonio pubblico (immobili e aree verdi) e alla promozione della piccola imprenditorialità. Nell’ambito di questi accordi, la Pubblica Amministrazione si farebbe carico di superare tutti i vincoli legislativi (es. stipula di assicurazione) che al momento attuale impediscono anche a chi se ne voglia fare carico a titolo volontario, di apportare miglioramenti a vantaggio dell’utilizzo in sicurezza di strutture/aree pubbliche in stato di abbandono e/o degrado.

Metro a Spinaceto/Tor de Cenci

Questo argomento è sempre quello più vivace e noi che ne viviamo quotidianamente sulla pelle i risvolti sappiamo bene il perché…

Ci siamo decisamente accalorati nel difendere la nostra idea di Metro di superficie, complanare alla via Pontina, che possa collegare direttamente Spinaceto/Tor de Cenci con l’Eur. Quello su cui la nostra idea e la loro coincidono è sulla necessità di progettare un prolungamento di una Metro già esistente piuttosto che di una Metro D la cui visione si perde in un futuro molto lontano, mentre sul percorso e sulle fermate sembra esserci qualche divergenza. Sulla base di principi generali che tengano conto di bacini di utenza (numerosità, presenza di strutture strategiche tipo IFO e Campus Biomedico) e fattibilità tecnica auspichiamo che le nostre proposte possano eventualmente armonizzarsi con i loro progetti e, con questo obiettivo abbiamo accolto la loro disponibilità a pianificare incontri ad hoc per approfondire l’argomento. 

È stato infine sottolineato anche in questa circostanza che il Municipio è fortemente carente di risorse sia economiche che umane e che è necessaria una forte pressione per potenziarle, facendo se necessario ricorso non solo ad assunzioni ma anche ad un efficientamento delle risorse già disponibili e ad una mobilità interna nell’ambito dell’organico dell’amministrazione comunale nel suo insieme (lotta all’assenteismo, politica di incentivi legati al raggiungimento degli obiettivi; etc). Da questo punto di vista la pregressa esperienza manageriale di Calenda può rappresentare un punto di forza.

Questo sito si avvale di cookie tecnici e, con il tuo consenso, di cookie di profilazione, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, cliccando in un'area sottostante o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information